Serbatoi a GPL e Ganci Traino STOP ai collaudi

Serbatoi a GPL e Ganci Traino STOP ai collaudi

  • 02 Mar 2021
  • IMPIANTI GPL PADOVA

Dal 14 Febbraio 2021 non è più necessario far collaudare dalla Motorizzazione Civile i ganci di traino, i serbatoi Gpl e altre modifiche, tra cui quelle per i doppi comandi delle auto destinate alle Scuola Guida e gli adattamenti per disabili.

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale all’inizio dell’anno del decreto del MIT ha reso operativo l’articolo 78 comma 1 del Codice della Strada, modificato dalla legge di conversione del Decreto Semplificazioni: d’ora in poi, per diverse modifiche ai veicoli non è più necessario il collaudo in Motorizzazione ed al suo posto diventa sufficiente la dichiarazione scritta del centro autorizzato o dell’officina esecutrice dei lavori, che dev’essere comunque trasmessa in Motorizzazione dal proprietario del veicolo per l’aggiornamento del libretto di circolazione.

Nel campo di applicazione del decreto rientrano le seguenti modifiche, che quindi non necessitano più del collaudo in Motorizzazione a Padova:

- sostituzione del serbatoio GPL del sistema di alimentazione bifuel o monofuel;

- installazione gancio di traino su veicoli delle categorie internazionali M1 (auto fino a 9 posti); N1 (veicoli per trasporto di merci con massa massima non superiore a 3,5 t);

- installazione di adattamenti per la guida da parte di conducenti disabili, come pomello al volante, centralina comandi servizi, inversione dei pedali acceleratore-freno nella configurazione speculare a quella originaria, spostamento leve comandi servizi (luci, tergicristalli, ecc.), specchio retrovisore grandangolare interno, specchio retrovisore aggiuntivo esterno;

- installazione doppi comandi per veicoli da adibire a esercitazioni ed esami di guida.

Lo stop al collaudo in Motorizzazione non elimina l’obbligo di aggiornamento del libretto di circolazione: il decreto indica che la domanda di modifica della carta di circolazione vada presentata, per la durata del periodo di transizione, dall’intestatario del veicolo presso l’ufficio della Motorizzazione Civile in relazione alla sede della ditta che ha eseguito i lavori di modifica, mentre quando il sistema sarà a regime potrà essere presentata anche presso le agenzie di pratiche auto.

La domanda di aggiornamento va presentata entro 30 giorni dal completamento delle modifiche sul veicolo, redatta sul modello TT 2119.

L’aggiornamento della carta di circolazione viene compiuto con l’emissione di un tagliando adesivo da applicare sulla medesima carta, indicante i dati variati o integrati dopo le modifiche e il numero identificativo dell’officina che ha eseguito i lavori.

Per Appuntamento e INFO CHIAMACI!!!!

Post correlati: